Le tecnologie smart: binomio vincente per l’assistenza domiciliare

Le tecnologie smart: binomio vincente per l’assistenza domiciliare

Una ricerca americana dimostra che le tecnologie di assistenza domiciliare migliorano la qualità di vita delle persone sotto molti punti di vista: come la salute e la sicurezza. Lo smartphone e la connessione ad internet rappresentano le chiavi di svolta.

Una ricerca del Mckinsey Global Institute, Smart Cities: Digital solutions for more livable future pone l’attenzione sul concetto delle smart city: città intelligenti in cui l’uso della tecnologia migliora la vita della persone sotto molteplici punti di vista: salute, sicurezza, ambiente, partecipazione civica.

L’importanza oggi acquisita dai dispositivi tecnologici come lo smartphone e la connessione ad internet in primis rappresenta una componente strategica per la creazione di città smart. In secondo luogo, non meno importante è lo sviluppo di applicazioni specifiche che sappiano tradurre i dati in informazioni utili che possano essere utilizzate da organismi pubblici ma soprattutto dalle persone. Infatti, la vera efficacia di una città “smart” è data dall’usabilità di tali tecnologie. Prima di aziende e istituzioni, sono le persone che devono usare la tecnologia per migliorare la loro vita, facendo realmente la differenza.

Leggi di più

Lombardia: No alle case di riposo, sì all’assistenza in famiglia

Lombardia: No alle case di riposo, sì all’assistenza in famiglia

In Lombardia si avverte un cambio di tendenza. Sempre meno ricoveri nelle case di riposo a favore dell’assistenza familiare agli anziani.

L’ ultimo report dell’Osservatorio sulle Rsa dell’Università Carlo Cattaneo (Liuc) evidenzia che le famiglie lombarde tendono a fornire assistenza ai propri cari anziani nelle loro case piuttosto che portarli nelle case di riposo. Almeno fino a quando è possibile, si rinvia l’ingresso degli anziani nelle strutture predisposte ad ospitarle.

I motivi sono generalmente di tipo economico. Le famiglie preferiscono accudire in casa le persone anziane avvalendosi delle badanti. Infatti, i costi per un ricovero a Milano sono proibitivi: più di tremila euro al mese.

La spesa minima in media a carico delle famiglie per una giornata di degenza è di 78,50 euro, il massimo è di 101 euro. Le tariffe sono, però, più basse altrove: nell’ Oltrepò Pavese sono tra i 54 e i 60 euro, nella Bergamasca tra i 55 e i 63 euro e nel Cremonese tra i 52 e i 56.

Leggi di più

GRAMPiT © 2018 diritti riservati Privacy Policy. Servizio basato su brevetto per invenzione industriale.