La solitudine? Aumenta il rischio di demenza del 40%

La solitudine? Aumenta il rischio di demenza del 40%

Una ricerca scientifica svela che dietro la solitudine c’è il rischio di ammalarsi di demenza con una percentuale del 40%. 

Uno studio della Florida State University (FSU) a Tallahassee ha messo in luce che le persone che vivono in solitudine hanno un rischio maggiore di soffrire di demenza. Lo studio ha coinvolto 12.03 individui dai 50 anni in su che hanno partecipato al programma “Health and Retirement Study” della durata di 10 anni. Durante questo periodo sono stati considerati fattori di studio la solitudine e l’isolamento sociale dei partecipanti, mentre ogni due anni si sono sottoposti ad un test di valutazione delle abilità cognitive.

Il risultato di queste analisi in un periodo di tempo così lungo ha messo in evidenza che su 12.000 individui partecipanti al programma, ben 1104 hanno ricevuto una diagnosi di demenza.

La ricerca ha evidenziato che la solitudine permette di sviluppare maggiormente malattie come la demenza e l’Alzheimer. Non sarebbe l’isolamento sociale – che pur provoca dei danni alla salute di coloro che lo subiscono – quanto il sentirsi soli a favorire la comparsa della malattia. Le persone che non hanno quotidianamente interazioni sociali sviluppano danni al cervello e sono più esposti a questo tipo di malattia. Questo spiega perchè gli anziani siano molto più predisposti a sviluppare forme di demenza.

La solitudine dunque non va sottovalutata perchè provoca seri danni alla salute. Tuttavia, esistono tecnologie come GRAMPiT che permettono di sentirsi più sereni e meno soli. GRAMPiT è l’assistente digitale che permette alla persona in difficoltà, che non può uscire di casa per svariati motivi, di sentirsi meno sola. Attraverso una semplice sistema di sensori installati in casa senza opere murarie complesse e un’ applicazione semplice e intuitiva, la persona sola può rimanere costantemente in contatto con i suoi cari ed essere sicura di essere aiutata in caso di difficoltà.

GRAMPiT infatti monitora la persona H24 e agisce in autonomia inviando segnali ai cari lontani in caso di necessità ma non solo. GRAMPiT aiuta la persona sola nelle faccende quotidiane, rendendole la vita più semplice. Un buon alleato per combattere la solitudine.

GRAMPiT © 2018 diritti riservati Privacy Policy. Servizio basato su brevetto per invenzione industriale.