Categoria: Salute

ginnastica_dolce_anziani_19_2_18

I benefici della ginnastica dolce per gli anziani

Fare movimento è necessario per mantenersi attivi ma soprattutto in buona salute. Se questo è vero per i giovani, lo è anche per le persone più avanti con gli anni.

In età avanzata è molto importante praticare esercizio fisico. In particolare modo è consigliata la ginnastica dolce. La ginnastica deve essere concepita su misura per gli anziani al fine di permettere la flessibilità muscolare, la capacità motoria, la fluidità dei movimenti.

Per tale motivo, bisogna eseguire un piano di esercizi specifici per il proprio stato di salute. In generale la ginnastica dolce interessa testa e collo, arti superiori e inferiori, busto. I movimenti sono lenti e graduali, fatti a più riprese meglio se in compagnia di altre persone.

frattura-del-femore-12_2_18

Frattura del femore negli anziani: cos’è e cosa comporta

La frattura del femore si verifica di solito in seguito ad un trauma. L’osso può subire una lesione oppure dividersi in due o più pezzi.

Il femore è tra le ossa del corpo umano quella più lunga e dotata di maggiore resistenza. Si trova nella coscia, ha inizio nel bacino e termina nel ginocchio.

Nelle persone anziane la frattura del femore è un evento abbastanza diffuso. Le cause sono da imputarsi principalmente all’osteoporosi e alla fragilità ossea.

In Italia, la frattura del femore interessa 80000 casi ogni anno, di cui 35000 degenerano in invalidità. Il 75% delle persone che subiscono una frattura al femore sono donne anziane.

Numeri così elevati indicano che la frattura al femore negli anziani è un evento che si verifica con molto facilità. Infatti esso è spesso conseguenza di incidenti lievi che avvengono molte volte in ambiente domestico.

dieta-mediterranea-invecchiare-15-1-18

La dieta mediterranea aiuta ad invecchiare in salute

Una ricerca pubblicata sul Journal of American Geriatrics Society rivela che alimentarsi seguendo la dieta mediterranea aiuta ad invecchiare meglio.

La dieta mediterranea è considerata la dieta ideale per affrontare gli anni che passano in salute. Secondo una ricerca pubblicata sul Journal of American Geriatrics Society, coloro che mangiano frutta, verdura, legumi, cereali integrali e noci invecchiano meglio e con più energie.

Quando s’invecchia si diventa più fragili e a corto di energie. Ciò provoca conseguenze sul proprio fisico in quanto si è più esposti a problemi di salute come cadute, fratture, demenza.
picco_influenza_anziani_11_1_18

Picco dell’influenza a metà gennaio: anziani più a rischio

A metà gennaio si registrerà il picco più alto di influenza. Necessario rimanere a riposo e al caldo per prevenirla.

Quest’anno l’influenza è entrata con maggiore forza nelle case degli italiani. 2 milioni di italiani si sono ammalati a partire dalla fine di dicembre secondo il SIMIT- Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali.

anziani-e-pillole_4_1_18

Anziani e pillole: dividerle può causare effetti collaterali

Dati del Sigg dimostrano che la pratica di tagliare le pillole riduce i benefici del farmaco e può risultare addirittura tossico per gli anziani che le assumono.

La Società Italiana di Gerontologia e Geriatria (Sigg) pone l’attenzione sulla pratica di dividere le pillole da assumere negli anziani.

Molto spesso i farmaci vengono tagliati in parti più piccole oppure frantumati. La ragione è per permettere agli anziani di deglutire meglio il farmaco.

Tuttavia, dati del Sigg dimostrano che tagliare le pillole può ridurre l’efficacia del farmaco. Anche l’utilizzo del taglia-pillole, il mezzo più preciso per dividere i farmaci, non assicura di ingerire la dose corretta.

sonno_e_anziani_3_12_17

Sonno e anziani: 10 milioni di italiani dormono poco e male

10 milioni di anziani in Italia soffrono di disturbi del sonno. Tra le cause il mangiare abbondantemente prima di coricarsi e le preoccupazioni.

Il sonno notturno è quello maggiormente benefico per la nostra salute. Per questo motivo che medici ed esperti sono concordi nell’affermare che bisogna dormire almeno 8 ore a notte per stare bene in salute.

Tuttavia con il passare degli anni e l’avanzare dell’età risulta sempre più difficile riuscire a dormire in maniera serena e per tutta la notte. Gli over 65 ne sanno qualcosa: in Italia ben 10 milioni di anziani non riesce a dormire bene.

Gli anziani spesso si svegliano più di una volta durante la notte e si alzano molto presto. Ad analizzarne le cause sono gli esperti del 62esimo Congresso nazionale della Società italiana di gerontologia e geriatria svoltosi in questi giorni a Napoli.

importanza_vaccini_anziani

L’importanza dei vaccini per gli anziani: solo uno su due si vaccina

Una ricerca del Censis riportata dal quotidiano La Stampa ha fatto luce sulle conoscenze, gli atteggiamenti e i comportamenti degli italiani in età matura rispetto all’influenza.

Un italiano su due esegue il vaccino antinfluenzale. Il resto della popolazione preferisce non vaccinarsi. Questo è l’atteggiamento tipicamente italiano nei confronti del vaccino contro l’influenza.

I dati del Censis parlano chiaro: solamente il 52% degli over 65 ha eseguito la vaccinazione nel 2016 rispetto al 68% del 2006. Un calo drastico testimoniato dalla particolare riluttanza degli italiani nei confronti dei vaccini.

Alla domanda circa il perchè gli anziani non eseguano la vaccinazione antinfluenzale è emerso che quasi la metà degli italiani oversessantacinquenni non ha fiducia nella reale efficacia dei vaccini. Ciò è dovuto alla scarsa informazione riguardo la reale funzione dei vaccini.

2050_over60_doppio

Entro il 2050 la popolazione over 60 sarà il doppio

Secondo l’Oms, entro il 2050 una persona su cinque sarà over 60. Bisogna mantenersi in esercizio per invecchiare bene.

L’Organizzazione mondiale della Sanità nel suo ultimo rapporto del 2015 ha evidenziato che la popolazione mondiale passerà da 900 milioni a 2 miliardi entro il 2050. Ci sarà un aumento esponenziale delle persone over 60 a causa della riduzione della fertilità e dell’aumento dell’aspettativa di vita.

In questo contesto risulta importante la prevenzione e il mantenersi attivi. Infatti la maggioranza della popolazione over 60 non conduce una vita attiva, non pratica esercizio fisico. Il mantenersi in forma costituisce un fattore importante per prevenire le malattie e andare incontro alla vecchiaia in maniera salutare.

la_solitudine_anziani

La solitudine negli anziani: un problema di natura sociale

La solitudine è considerata la “malattia” più pericolosa per l’anziano. Chi ne soffre ha il 45% di possibilità in più di morire.

La solitudine nell’anziano è considerata un problema di natura sociale. Gli anziani che soffrono di solitudine vivono una condizione esistenziale disagiata che ha conseguenze sulla salute.

Uno studio dell’Università di San Francisco condotto su un campione di 1600 persone ha evidenziato che il 43% degli anziani vive in una condizione di solitudine. Mettendo a confronto i risultati del sondaggio con il tasso di mortalità a distanza di sei anni, è emerso che chi soffre di solitudine ha il 45% in più di probabilità di morire.

Anche la qualità di vita va incontro ad un peggioramento: si presentano depressione, rischio di infarto, riduzione della mobilità e di autonomia.

tecnologia_anziani_benefici

La tecnologia in mano agli anziani: i benefici per la salute sono molteplici

Dagli Stati Uniti arrivano soluzioni tecnologiche su misura per l’anziano. Per renderlo connesso con amici e parenti e superare il problema della solitudine nell’età avanzata.

In America infatti da tempo esistono corsi per permettere alle persone anziane di avvicinarsi al mondo della tecnologia. Centri per anziani e gruppi sociali organizzano incontri per imparare ad utilizzare il computer e navigare su internet.

Dalle testimonianze di coloro che hanno frequentato questi corsi, è emerso che hanno iniziato ad usare la tecnologia con più facilità. Chi dapprima ne sembrava spaventano, adesso usa l’i-pad – più facile da utilizzare rispetto agli smartphone per la grandezza del suo schermo – e naviga nel web.

Per tale motivo vengono sempre più spesso sviluppate applicazioni e dispositivi pensati per le persone anziane. I benefici sono molteplici. L’utilizzo delle moderne tecnologie permette agli anziani di mantenere la mente attiva e di stabilire un contatto con le persone.