Categoria: Gestione emergenze

badante-H24-legale-8-2-18

Badante H24 è legale? Scopri come risolvere

Il lavoro delle badanti H24 non è più legale. A stabilirlo una sentenza della Corte di Cassazione che impone l’obbligo di 11 ore di riposo consecutivo.

Nel 2018 cambia la regolamentazione alla base dei contratti di lavoro delle badanti. Infatti secondo la sentenza n. 24 del 4 gennaio 2018, le badanti hanno diritto a 11 ore di riposo consecutivo.

Alla sentenza si è arrivati grazie al caso di una Onlus di Lecco che forniva personale per l’assistenza familiare h24 sull’assunto che le ore di riposo dei dipendenti non dovessero essere necessariamente consecutive. Tuttavia i giudici hanno stabilito che secondo il decreto legislativo 66 del 2003 che si basa sulla direttiva comunitaria sull’orario di lavoro, tutti i lavoratori hanno diritto ad 11 ore di riposo minimo giornaliero da fruire in modo consecutivo.

La sentenza impone multe salate a chi trasgredisce nonchè una denuncia per sfruttamento di manodopera. Inoltre viene a cadere anche la formula del vitto e alloggio che sovente è offerta alla badante nel contratto di lavoro. Infatti, il lavoratore non ha più l’obbligo di accettare tale formula.

anziani_soli_truffe_14_12_17

Anziani soli sempre più a rischio di truffe

Le truffe agli anziani sono all’ordine del giorno. L’ultima in provincia di Oristano. Un finto imprenditore truffava gli anziani vendendo biancheria nelle loro case.

Gli anziani che vivono da soli sono spesso vittime di truffe all’interno della loro casa. Ormai il fenomeno delle truffe alle persone anziane è all’ordine del giorno. I malfattori s’introducono nelle case degli anziani soli e approfittando della loro vulnerabilità, estorcono denaro con molta facilità.

Finti carabinieri, avvocati o semplici funzionari del servizio elettrico si approfittano della buona fede della persona sola e gli portano via i risparmi di una vita. L’anziano che vive spesso una condizione di solitudine, che deve badare a se stesso in maniera autonoma, si vede privato di quel poco che magari ha messo da parte con tanta fatica.

Dopo essersi assicurati il malloppo, i truffatori scappano lasciando il povero nonno in condizioni disperate. Ormai le notizie che parlano di queste truffe si rincorrono. Purtroppo molto spesso una volta individuate e smascherate dalle forze dell’ordine, ecco che ne nascono di nuove.

donne_anziani_genitori_23_10_17

Donne madri di famiglia e anziani genitori: come fare ad occuparsi di loro al meglio?

L’Italia è il paese più vecchio del continente e buona parte della sua popolazione supera i 65 anni. Spesso sono le donne di famiglia a doversi occupare dei propri genitori, non più in grado di condurre una vita indipendente.
Molto spesso il compito di occuparsi del genitore anziano spetta alle figlie, ormai donne madri di famiglia che si prendono carico di una grande responsabilità. Le donne che hanno un genitore anziano si occupano delle sue esigenze con grande spirito di empatia e sacrificio.

Si prendono cura dei genitori occupandosi delle loro esigenze come le medicine, il cibo, le visite ospedaliere o dal medico. Oltre a questo devono far fronte anche alle esigenze della propria famiglia: mediare tra i figli, il marito e le incombenze familiari.

Effettivamente c’è un’esigenza reale da parte delle donne con genitori anziani da accudire ma anche delle loro famiglie, di avere un aiuto esterno che permetta loro di vivere in assoluta serenità.

Molto spesso, gli altri membri della famiglia come i figli o i nipoti del genitore anziano non possono occuparsi attivamente delle sue esigenze. Ecco che la tecnologia può essere un valido aiuto.

Salvavita per anziani, non basta

I dispositivi di telesoccorso per anziani sono molto conosciuti dal pubblico poiché sono stati oggetto di molte campagne pubblicitarie nel nostro paese. Chi non ha sentito parlare del salvavita Beghelli®?

Questo genere di dispositivi lanciano una richiesta di soccorso quando l’anziano preme un tasto, si tratta quindi, da un punto di vista tecnico, di soluzioni molto semplici e ormai consolidate sul mercato da molti anni. Anche Grampit integra questa piccola funzionalità all’interno del suo servizio.