Il Blog di Grampit

importanza_vaccini_anziani

L’importanza dei vaccini per gli anziani: solo uno su due si vaccina

Una ricerca del Censis riportata dal quotidiano La Stampa ha fatto luce sulle conoscenze, gli atteggiamenti e i comportamenti degli italiani in età matura rispetto all’influenza.

Un italiano su due esegue il vaccino antinfluenzale. Il resto della popolazione preferisce non vaccinarsi. Questo è l’atteggiamento tipicamente italiano nei confronti del vaccino contro l’influenza.

I dati del Censis parlano chiaro: solamente il 52% degli over 65 ha eseguito la vaccinazione nel 2016 rispetto al 68% del 2006. Un calo drastico testimoniato dalla particolare riluttanza degli italiani nei confronti dei vaccini.

Alla domanda circa il perchè gli anziani non eseguano la vaccinazione antinfluenzale è emerso che quasi la metà degli italiani oversessantacinquenni non ha fiducia nella reale efficacia dei vaccini. Ciò è dovuto alla scarsa informazione riguardo la reale funzione dei vaccini.

Infatti la principale obiezione che gli anziani sollevano è quella secondo la quale nonostante la vaccinazione, la febbre si contrae lo stesso. Nonostante questa convinzione, una percentuale alta di italiani (tra l’80 e il 90%) sa che è consigliabile vaccinarsi.

Il Presidente dell’Istituto superiore di sanità, Walter Ricciardi afferma «Di solito il 10% di chi prende l’influenza ha delle complicanze. Tra loro un altro 10% finisce in ospedale e uno su cento purtroppo non ce la fa». L’anno scorso a causa di complicanze varie, quasi 18 mila anziani non ce l’hanno fatta.

Ecco perchè risulta importante vaccinarsi specialmente quelle categorie più delicate come gli anziani, gli immunodepressi, le persone in dialisi e le donne in gravidanza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *