Il Blog di Grampit

nonni_giovani_oggi_25_12_17

Come vedono gli anziani i giovani di oggi?

A Natale ci si riunisce con la famiglia e soprattutto con i nonni: colonna portante dell’intera famiglia. Ma come vedono gli anziani i giovani di oggi?

Una ricerca dell’Università di Liegi in Belgio ha dimostrato che la qualità della relazione tra i bambini e i loro nonni determina il rapporto che essi avranno da grandi nei confronti degli anziani.

Secondo lo studio, pubblicato su Child Development, i bambini che hanno avuto un rapporto di qualità con i loro nonni sono più propensi una volta diventati grandi ad avere rispetto ed empatia nei confronti delle persone anziane.

Più di 1000 tra bambini e ragazzi tra i 7 e i 16 anni sono stati intervistati su argomenti riguardanti il rapporto con i nonni come la salute e gli incontri con loro.

Dalle interviste è emerso che i bambini e ragazzi che si erano descritti come felici di vedere i nonni erano anche più propensi ad avere un atteggiamento positivo nei confronti degli anziani.

Un fattore importante della qualità del rapporto con i nonni è anche la frequenza delle visite fatte dai nipoti. Dalla ricerca è emerso che i ragazzi tra i 10 e i 12 che visitano i nonni almeno una volta a settimana hanno un atteggiamento più positivo nei confronti degli anziani.

Uno studio interessante perchè può aprire la strada a programmi intergenerazionali che coinvolgano i nonni al fine  di superare la discriminazione nei confronti degli anziani.

Un buon rapporto con le persone mature parte in tenera età. I nonni sono tra le prime figure più mature con cui si viene a contatto da piccoli.

Impostare un rapporto fatto di rispetto, amore e comprensione dei veri valori della vita arricchisce in positivo il carattere degli adulti del futuro.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *